Sign In

Blog

Latest News
Il governo Meloni fa cassa sulla pelle dei bambini più sfortunati

Il governo Meloni fa cassa sulla pelle dei bambini più sfortunati

[ad_1]

Assegno unico, i soldi per i bambini senza un genitore non ci sono. Il governo trova soldi per tutti, ma non per i più sfortunati nella vita


Affaritaliani.it ha scritto molti articoli sulla clamorosa discriminazione nei confronti delle famiglie monogenitoriali, in molti casi vedove e vedovi con bambini anche piccoli, nell’assegno unico: negata la maggiorazione di 30 euro al mese a figlio perché il secondo genitore non lavora, anche se è deceduto (con il rischio di dover restituire all’Inps gli arretrati da marzo a ottobre 2022). Un’aberrazione. Dalla maggioranza non arriva alcun segnale ufficiale, niente, zero. Solo generiche risposte come “conosciamo il problema” e “sistemeremo”.

Naturalmente, sempre secondo fonti della maggioranza, il problema è sempre lo stesso: le coperture. Sanare questa assurda e vergognosa discriminazione verso le famiglie monogentioriali, anche ragazze madri ad esempio, costerebbe allo Stato circa 600 milioni di euro all’anno. Ma i soldi, evidentemente, non ci sono. Almeno fino a oggi. Peccato che quando si è trattato di spalmare i debiti delle squadre di calcio la norma è stata approvata senza problemi, per forza bisogna salvare la serie A e il business del pallone. Oppure per evitare il ritorno alla Legge Fornero i soldi sono spuntati subito, così come per estendere fino a 85mila euro la flat tax al 15% per le partite Iva (creando così una clamorsa disparità tra lavoratori).

E anche per il reddito di cittadinanza, seppur ridimensionato, i soldi ci sono (quando il Centrodestra mesi fa e prima delle elezioni del 25 settembre prometteva di abolirlo). Non parliamo poi delle armi all’Ucraina, che ovviamente sono un costo per lo Stato (ma bisogna obbedire alla Nato e agli Usa), i soldi ci sono. Solo per i bambini e i ragazzi senza un genitore e per le loro famiglie i soldi non ci sono. Legge sull’assegno unico fatta malissimo dal Pd e non corretta dal Centrodestra che continua a tollerare una vergognosa discriminazione nei confronti di chi nella vita è stato maggiormente sfortunato. Questa è l’Italia, che vergogna.


Iscriviti alla newsletter



[ad_2]

LEGGI TUTTO

, 2023-01-29 09:01:00 , www.affaritaliani.it

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *